Corpo Musicale Boffalorese


Vai ai contenuti

Menu principale:


Flauto

Curiosità > Storia strumenti

Il flauto traverso è uno strumento musicale della famiglia dei legni e quindi è un aerofono.

Composizione

I flauti traversi moderni sono strumenti in legno o più comunemente in metallo (Alpacca argentata, argento, oro, platino) composti da 3 parti:

Testata
Corpo centrale
Trombino o Piede
I tre pezzi vanno montati insieme e ne risulta uno strumento lungo circa 65 centimetri, è possibile inserire la testata nel corpo in varie posizioni in maniera di regolare l'intonazione. Il suo nome deriva dal fatto che viene suonato in posizione asimmetrica ("di traverso"), alla destra dell'esecutore.

Tecnica

Il suono viene prodotto dal flusso d'aria che si frange contro lo spigolo del foro di insufflazione presente sulla testata. In questo modo viene eccitata la colonna d'aria all'interno del tubo e ha inizio la vibrazione sonora. L'emissione di note di diversa altezza avviene chiudendo i fori, tramite le "chiavi" (i tasti) e controllando in questo modo l'altezza della colonna d'aria che viene messa in vibrazione. Un effetto molto suggestivo è il frullato (o flatterzu), tecnica che consiste nel soffiare pronunciando contemporaneamente le consonanti "tr", "dr" o "vr" per far vibrare la parte anteriore della lingua oppure la consonante "r" (pronunciata come la "r" moscia francese) per far vibrare la parte posteriore della lingua. Le chiavi possono essere forate, per permettere effetti di glissato (passaggio da una nota all'altra senza salti tonali).

Timbro

Il flauto ha un suono limpido anche se un pò freddo, ma la brillantezza del suo timbro lo ha reso adatto, per esempio, per imitare il canto degli uccelli.

Particolarità

Esistono svariati tipi di flauti che si differenziano, oltre che per il materiale, per alcuni aspetti meccanici ed estetici. Il flauto ha diversi fratelli, uno dei più importanti è l'ottavino, che, come indica il nome stesso, suona più acuto di un'ottava. Esiste anche il flauto alto o flauto in sol che suona più grave di una quarta ed è uno strumento traspositore perchè suonando la nota corrispondente al do sul flauto in do si produce il sol una quarta più grave. Altri componenti di questa famiglia sono il flauto basso (che suona un'ottava più grave) e il flauto contrabbasso. A Milano, nel Castello Sforzesco, è conservato un flauto traverso che poteva essere utilizzato come bastone da passeggio.

Home Page | Dove Siamo | Chi Siamo | Curiosità | Le nostre foto | Appuntamenti | Community | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu